Passa ai contenuti principali

Parlando con... SARA RATTARO!

Buongiorno a tutti, fedelissimi followers! :) Ecco a voi la nostra PRIMISSIMA intervista! :)




Ieri, in occasione dell'intervista alla Feltrinelli di Verona, ho avuto l'onore di poter parlare e chiacchierare con Sara Rattaro, autrice di Non volare via, di cui troverete la recensione domani...


Dov’è nata l’idea per il libro?
L’idea per il libro è nata dalla volontà di raccontare una storia nei panni di un uomo, perché le storie precedenti erano molto femminili, e quindi ho voluto raccontare di un uomo di oggi.. più tardi, in un secondo tempo è arrivato Matteo.  E con il suo arrivo, la storia ha preso tutta un’altra piega: la famiglia in discussione era, così, particolarmente impegnativa..

                In un’altra intervista che hai fatto, hai detto che questo libro era una sfida con te stessa per cercare di immedesimarti in quest’uomo... Quali emozioni hai provato?
Con Alberto più che un’emozione, ho provato uno stato d’animo: ho capito che dovevo mescolare la mia voglia di andare oltre, mettermi alla prova, con la paura di non farcela.. quindi questo continuo sforzarmi ed essere terrorizzata, era l’uomo per eccellenza

                Quali sono state le delusioni che hai provato scrivendo? Ci sono state delle aspettative che avevi all'inizio, e che poi non sei riuscita a soddisfare o che non sono arrivate al pubblico di lettori?
Per ora, le critiche sono tutte molto positive, e spero durino!
Le delusioni le ho avute nel momento stesso in cui vivevo la storia: erano le delusioni della vita che stavo scrivendo…

                C’era un obiettivo per questo libro, oltre che narrare questa storia?
Il primo obiettivo era la sfida con me, perché volevo dimostrare a me stessa che sapevo scrivere e che ero una scrittrice.. ma una scrittrice un po’ più sostenuta!
Poi, narrando, il secondo obiettivo è diventato quello di riuscire a parlare della sordità: ho dovuto studiare e documentarmi molto bene per entrare in questo ruolo, un po’ per sensibilizzare le persone a questo mondo, di cui non si parla molto… e questo obiettivo adesso c’è: le persone audiolese mi stanno un po’ affidando il ruolo di portavoce di questo problema…

                Ci sono delle tracce autobiografiche in questo libro? Contiene qualcosa di tuo personale?
No, a parte quello che è il mio modo di scrivere, come le frasette in corsivo, ad esempio, in cui sono io che parlo indirettamente, dicendo quella che è la mia filosofia di vita.. però no, nulla di autobiografico. Al massimo potrei essere Camilla, ma non sono così vivace. :)

                Un’altra domanda è proprio sui piccoli paragrafi che hai scritto in corsivo.. come mai sono messi così? Per attirare l’attenzione del lettore su quel tuo ragionamento?
Sono messi in corsivo essenzialmente perché, se tu li togliessi, la storia funzionerebbe lo stesso, e sono il mio modo di sospendere la storia, per incidere e lasciare una traccia del mio pensiero.

                Hai delle opere in corso???? Ci puoi fare un’anticipazione?
Sì, certo!  È una storia che spero esca nel 2014, se verrà pubblicata (non è certo).
Ho provato a scrivere di una storia vera che mi è stata raccontata e che mi ha ispirato: un papà che non vede le sue figlie da un sacco di anni, perché la madre, essendo straniera, dopo il divorzio, ha portato all’estero le sue figlie, facendole crescere senza un padre.  I paesi, poi, non parlano, e le persone così,  ho scoperto, sono molte.. per cui ho cercato di romanzare anche questo problema.

                Un tuo progetto al di fuori della scrittura di romanzi?
Mi hanno coinvolta a Genova in una scuola di scrittura, per provare a creare una serie di miniseminari su come si descrivono i personaggi.. e quindi mi piacerebbe molto integrare musica e immagini alla scrittura, che sono poi le cose che mi ispirano e mi spingono a scrivere, per vedere se quello che vale per me, è valido anche per altri.

                Il tuo libro precedente è stato pubblicato in altri paesi… fino a dove sei riuscita ad arrivare???
In Europa.. il paese più lontano penso sia stata la Russia… Sono stata tradotta in spagnolo, olandese e in bulgaro. Presto anche in Germania, Ungheria, Russia e Turchia.

                Un augurio, una frase per il nostro blog, Le nostre parole?
La frase che è un po’ il motto del mio libro, che per essere straordinari non è per nulla necessario essere perfetti. Ed è anche un augurio che vi faccio.. La perfezione porta da poche parti, mentre la straordinarietà vi fa essere voi stessi.

Grazie mille!
Grazie a te.

Ringraziamo ancora Sara Rattaro per la sua disponibilità e la sua gentilezza! :)

Post popolari in questo blog

FOLLI FOLLIE #2

Alla fine, il post della settimana scorsa è diventata una rubrica :)
Oggi, per festeggiare un po' il compleanno della nostra Rossella, siamo state in città: lei ha ricevuto 3 libri in regalo, e ne abbiamo comprati altri... Ma non mancano neanche una valanga di ebooks che ci hanno inviato delle case editrici...
Libri cartacei

Il 12 giugno l'autrice, Sara Rattaro, sarà alla Feltrinelli di Verona, per cui ho subito cercato di prenderlo, così potrò avere l'autografo, e magari anche una foto! :)
Di Matteo Meffucci, cantante degli Zero Assoluto è usciro da pochi mesi il suo nuovo libro "La traiettroia casuale dell'amore" e da inguaribile romantica, non h potuto non pendermi già dal titolo e dalla copertina e così...era già tra le mie braccia pronto per andare alla cassa XD 
Uno dei primi libri di Conano Doyle nel nuovissimo formato tascabile Newton.La cosa impressionante di questo libro è...che costa solo 0.99 euro! un affare! per chi vuole conoscere Conan Doyle d…

E Hemingway - Le Nostre Parole

LE NOSTRE PAROLE è il nome che abbiamo dato al nostro blog.
Non è stata una scelta banale, e neanche una decisione spinta dalla disperazione.
L'abbiamo scelto perché con le nostre parole volevamo riempire questo spazio virtuale e scambiare opinioni con le vostre parole.
In realtà, però, non abbiamo mai espresso completamente la nostra opinione di ciò che leggiamo, un po' perché gli argomenti sono vasti e i libri lunghi, e un po' perché non ci abbiamo mai pensato davvero.
Vogliamo cominciare, quindi, con questa rubrica a cadenza indeterminata, in cui commentiamo poesie o citazioni che ci hanno colpito e fatto riflettere.


Un paio di ore fa stavo scuriosando su internet, e, immagino come molti di voi, sono capitata su quest'immagine (la condivido qui sotto). Oltre al fatto che conoscevo questo disegno di Paula Bonet, artista che stimo moltissimo, mi sono soffermata un paio di secondi per la frase.


Sono subito andata a cercare su internet di cosa si trattasse, dal momento …

Rosamunde Pilcher - SOLSTIZIO D'INVERNO

AUTORE: Rosamunde Pilcher TITOLO: Solstizio d'inverno EDITORE: Mondadori PAGINE: 538 nuova edizione 10,50€ VOTO: 7/10 Rosamunde Pilcher nata Scott (Cornovaglia, 1924), ha lavorato al Foreign Office e, durante la guerra, si è arruolata come ausiliaria della Marina Militare, prestando servizio a Ceylon. Tornata in patria, si è trasferita in Scozia, dove tuttora vive. Nel 1946 ha sposato Graham Hope Pilcher, assumendo il nome con cui è conosciuta in tutto il mondo come una delle più amate autrici di storie romantiche. Ha iniziato a scrivere giovanissima, pubblicando nel 1949 i primi racconti, Half-way to the Moon, con lo pseudonimo Jane Fraser e nel 1955 A Secret to Tell, il primo romanzo pubblicato con il suo nome. Del 1987 è il grande successo di I cercatori di conchiglie. Grandi bestseller sono stati anche Settembre (1990), Ritorno a casa (1995) e Solstizio d'inverno (2000), con il quale ha detto addio all'attività letteraria. Dalle sue opere sono stati tratti circa ottanta film…