Passa ai contenuti principali

Chiara Trabalza - IL VOLO DELLE LANTERNE

Oh-oh. Quest'anno comincia male.


Il volo delle lanterne
- Chiara Trabalza -
Eden Editori
pagine 350 - € 13,90

"Miriam e Lorenzo sono distanti, non si conoscono, non si sono mai visti, eppure sono anime gemelle e il desti- no ha deciso di farli incontrare travolgendo le loro vite. Lui è un giornalista in carriera, lei è la classica brava ragazza che non vuole mai dare problemi. Lui viaggia per il mondo, lei invece i viaggi può solo sognarli nella sua fantasia. Le loro vite non potrebbero essere più diverse eppure sembrano nati per stare insieme, come due tessere di uno stesso puzzle che combaciano perfettamente. Miriam viene travolta dalla passione, senza che possa far niente per opporsi ed improvvisa- mente la sua vita così lineare e prevedibile, da sempre costruita su rigidi binari e su rischi ben calcolati, viene sconvolta e tutte le sue certezze vacillano. Nasce così una bellissima storia d’amore e, quando Miriam pensa di aver raggiunto ormai la felicità, di aver finalmente ricevuto dalla vita quell’amore e quella sicurezza che cercava da sempre, un nuovo imprevisto porta Lorenzo lontano da lei, separando nuovamente le loro strade. Toccherà a loro difendere ciò che di più prezioso hanno e riconquistare quell’amore che sembra essere scritto da sempre nel loro destino."



Ho cominciato questo libro piena di aspettative e di speranze, pronta per scoprire un'autrice nuova e talentuosa. Ma non è stato così. 

La lettura inciampa sin dal primo capitolo,  che non presenta né la protagonista (si scopre che è Miriam solo nelle ultime righe) né quella che è poi la storia di fondo.
Non mi è piaciuto neanche il modo di raccontare i ricordi dei nonni, fatto in modo impersonale rendendolo quasi una lista della spesa (sì, ho esagerato un pochino, ma è l'unico riferimento che mi viene in mente). 

E le ripetizioni. Oh Jesus, QUANTE! La parola che si ripete sempre continuamente è "così".
A rendere il testo ancora più illeggibile, ci sono gli errori di grammatica e di sintassi.
Nel secondo capitolo viene usato un verbo all'indicativo, quando dovrebbe essere al congiuntivo (ORRORE!) e la punteggiatura e scarsa o usata male.

Nel terzo capitolo, invece, sono incappata in una contraddizione che mi ha lasciata a bocca asciutta: parlando di un'uscita con un'amica, Miriam esprime il suo amore per la città in cui è nata e dove vive, ma, poche righe sotto, dice che non le piace e che preferirebbe andare al mare. MA COME?!

Sono errori più o meno piccoli che, da lettrice consapevole, non ho potuto lasciar correre e che mi ha fatto decidere di non proseguire.
Mi è dispiaciuto, però, perché ho trovato anche una grande sensibilità umana nel romanzo.
Quando racconta del rapporto tra le due sorelle, si intuisce subito che c'è stato un grande lavoro e una riflessione probabilmente riferita sulla sua esperienza di vita personale.

È un peccato perché può essere che mi sia persa una storia affascinante e intrigante.

Una frase per l'autrice? Se scrivere è quello che vuoi, forza e coraggio! Non mollare! Riprovaci e andrà meglio.

Veronica

Post popolari in questo blog

FOLLI FOLLIE #2

Alla fine, il post della settimana scorsa è diventata una rubrica :)
Oggi, per festeggiare un po' il compleanno della nostra Rossella, siamo state in città: lei ha ricevuto 3 libri in regalo, e ne abbiamo comprati altri... Ma non mancano neanche una valanga di ebooks che ci hanno inviato delle case editrici...
Libri cartacei

Il 12 giugno l'autrice, Sara Rattaro, sarà alla Feltrinelli di Verona, per cui ho subito cercato di prenderlo, così potrò avere l'autografo, e magari anche una foto! :)
Di Matteo Meffucci, cantante degli Zero Assoluto è usciro da pochi mesi il suo nuovo libro "La traiettroia casuale dell'amore" e da inguaribile romantica, non h potuto non pendermi già dal titolo e dalla copertina e così...era già tra le mie braccia pronto per andare alla cassa XD 
Uno dei primi libri di Conano Doyle nel nuovissimo formato tascabile Newton.La cosa impressionante di questo libro è...che costa solo 0.99 euro! un affare! per chi vuole conoscere Conan Doyle d…

E Hemingway - Le Nostre Parole

LE NOSTRE PAROLE è il nome che abbiamo dato al nostro blog.
Non è stata una scelta banale, e neanche una decisione spinta dalla disperazione.
L'abbiamo scelto perché con le nostre parole volevamo riempire questo spazio virtuale e scambiare opinioni con le vostre parole.
In realtà, però, non abbiamo mai espresso completamente la nostra opinione di ciò che leggiamo, un po' perché gli argomenti sono vasti e i libri lunghi, e un po' perché non ci abbiamo mai pensato davvero.
Vogliamo cominciare, quindi, con questa rubrica a cadenza indeterminata, in cui commentiamo poesie o citazioni che ci hanno colpito e fatto riflettere.


Un paio di ore fa stavo scuriosando su internet, e, immagino come molti di voi, sono capitata su quest'immagine (la condivido qui sotto). Oltre al fatto che conoscevo questo disegno di Paula Bonet, artista che stimo moltissimo, mi sono soffermata un paio di secondi per la frase.


Sono subito andata a cercare su internet di cosa si trattasse, dal momento …

RESTA ANCHE DOMANI - Libro _ Film

BUON ANNO A TUTTI!
Per cominciarlo bene, ho pensato di proporvi un confronto di quelli che si sentono spesso con l'uscita di film tratti da libri.
Nel 2014 si è parlato tanto di "Colpa delle stelle" e "Hunger Games", ma "Resta anche domani" sono sicura che pochi di voi lo hanno sentito nominare...





- Resta anche domani -  Gayle forman

editore Mondadori pagine 252 - € 15,00








"<C'è solo una Mia che mi piace. Stasera eri semplicemente bionda e più sexy del solito. Ma la Mia di stasera è la stessa Mia di cui ero innamorato ieri e di cui sarò innamorato domani. Mi piace che tu sia fragile e dura, timida e aggressiva allo stesso tempo. Dio, sei una delle persone più fantastiche che conosco, a prescindere dalla musica che ascolti o dal modo in cui ti vesti.>"

Qualche sera fa ho visto in compagnia il film, e non posso negare di essere rimasta estasiata! Quindi, andando contro la mia regola - o film o libro - ho deciso di prendermi il libro, con…